Anno scolastico all’estero: Cosa fare al rientro?

Il rientro dall’anno scolastico all’estero, dal trimestre o semestre, può creare un po’ di preoccupazione negli studenti e nei loro genitori.

In realtà, basta seguire poche semplici regole e tenersi in contatto con la propria scuola italiana di origine perché tutto fili liscio sia per il riconoscimento dei crediti formativi che per il recupero del programma.

Vediamo insieme come fare!

 

anno all'estero: cosa fare al rientro?

Che succede al rientro dal periodo di studio all’estero?

Questa guida è specifica per gli studenti delle scuole superiori italiane che rientrano dopo aver frequentato un anno, trimestre o semestre di scuola all’estero, come consentito dalle normative MIUR sulla mobilità internazionale.

Quello che devi fare al rientro dal tuo periodo all’estero varia secondo la durata frequentata e il momento dell’anno in cui rientri.

OPZIONE A) Rientro durante l’anno scolastico in corso

Se hai frequentato un trimestre/quadrimestre o semestre all’estero nella prima parte dell’anno scolastico, rientrerai probabilmente in Italia nella tua scuola tra dicembre e marzo.

In questo caso:

  1. Accertati di ottenere le pagelle finali e il certificato di frequenza dalla scuola estera e consegnali prima possibile alla tua scuola in Italia. Questi documenti saranno registrati dalla scuola come pagelle integrative rispetto a quelle italiane;
  2. Verifica se la tua scuola richiede una traduzione (certificata o giurata)di questi documenti;
  3. Informati con i tuoi insegnanti su quante settimane di tempo hai per recuperare il programma di scuola prima di essere interrogato/valutato;
  4. Concorda (se possibile) con gli insegnanti gli principali argomenti del programma da recuperare e il tipo di valutazione a cui verrai sottoposto (tema scritto, compito in classe, interrogazione).

OPZIONE B) Rientro a fine anno scolastico

Se hai frequentato un intero anno di scuola all’estero o l’ultimo quadrimestre/semestre, probabilmente rientrerai ad anno scolastico italiano terminato o poco prima.

Ecco cosa fare:

  1. Consegna alla tua scuola in Italia le pagelle di tutto il periodo all’estero e il certificato di frequenza, verificando se sia o meno necessaria la traduzione (giurata, certificata o semplice);
  2. Concorda con i tuoi insegnanti e il consiglio di classe eventuali modalità di verifica del recupero del programma italiano (quali materie, quali porzioni di programma e con quali tempi e modalità). Le scuole possono optare per un colloquio di rientro unico con più insegnanti, prove scritte o compiti per le singole materie. Di solito queste verifiche si svolgono a Settembre, prima dell’inizio del nuovo anno scolastico;
  3. Il consiglio di classe ti comunicherà anche i crediti scolastici riconosciuti per l’esperienza all’estero e il numero di ore valide per il PCTO.

OPZIONE C) Diploma all’estero senza maturità italiana

Se hai conseguito il diploma all’estero, è possibile tu possa iscriverti all’università italiana senza conseguire la maturità.

In alternativa, puoi iscriverti ad una università internazionale in Italia o all’estero. In questo caso, verifica di essere in possesso dei requisiti necessari per il riconoscimento del diploma.

In entrambi i casi, il mio consiglio è di procedere con la dichiarazione di valore del titolo estero, tramite il Consolato o Ambasciata Italiana all’estero di competenza, per qualsiasi evenienza futura.

OPZIONE D) Diploma all’estero e successiva maturità Italiana

Se hai conseguito il diploma all’estero ma vuoi conseguire anche il diploma di maturità Italiana, i passaggi da compiere sono un mix tra le opzioni B e C di questa guida, ovvero:

  1. Consegna alla tua scuola pagelle e certificati di frequenza, con eventuali traduzioni se richieste;
  2. Per tue future necessità, procedi con la dichiarazione di valore in loco del diploma estero;
  3. Recupera il programma Italiano secondo le indicazioni dei tuoi professori e del consiglio di classe e partecipa alle prove di recupero o il colloquio di rientro, prima di iniziare il nuovo anno scolastico.

Si può essere bocciati dopo l’anno all’estero?

No, non si può essere bocciati dopo aver frequentato un anno scolastico all’estero.

Questo vale però se segui le regole, presenti i documenti richiesti dalla scuola, come indicato sopra, a prova della tua effettiva esperienza scolastica all’estero, e dimostri buona volontà nel recupero dei principali argomenti del programma di scuola Italiano.

Quanto è difficile reinserirsi dopo un anno all’estero?

Studiare e vivere all’estero è un’esperienza full immersion, che cambierà il tuo modo di pensare, il tuo modo di vivere e le aspettative per il futuro.

Questo tuo cambiamento è un’esperienza unica e irrinunciabile, che ovviamente i tuoi amici rimasti in Italia non avranno vissuto.

I tuoi genitori e la tua famiglia, allo stesso modo, ti immagineranno sempre allo stesso modo, ancora “giovane” e da accudire come prima della partenza.

Questi aspetti della vita al Rientro in Italia sono importanti, e vanno vissuti in modo consapevole, in modo da evitare frustrazioni e difficoltà di inserimento.

Ne ho parlato con Francesco, che in una video-intervista mi ha raccontato la sua esperienza di rientro dal Canada e come ha affrontato le difficoltà del rientro in Italia. La trovi qui.

VUOI FREQUENTARE UN ANNO ALL’ESTERO?

Pin It on Pinterest

Share This